Non basta il mare

Non ti ho mai cercato, ma sei il mio sangue.

La tua ombra mi ha tormentato, non conosco il sole, tua essenza i nostri guai.

Risuonano i miei passi pieni di paura, anche se orfano sei la terra madre

Senza fuga solo ferro

La nostra fine è sempre uguale

Gira, gira, qualcuno decide

Le nostre vite senza pace.

Io guardo il mare

Dove è il mio domani

Un popolo dannato, emigrato lontano con il sole in tasca ma senza lavoro,

Attende il canto della sua sirena per risvegliare la rabbia di un vulcano.

Bombe bombe bombe sulla napoli delle vetrine

Bombe bombe bombe sulla napoli che non esiste

La napoli che chiude gli occhi sulla morte

Di un uomo e del suo organetto

Io guardo il mare

Dove è il mio domani